Un’immensa occasione

sabato, agosto 15, 2009 10:36 | Filled in noi, senza categoria

Vi invito ad ascoltare la canzone linkata da Luca

 

http://www.youtube.com/watch?v=N6vW2uWsro0

 

e insieme vi faccio un altro invito. Ho avviato il blog perché avevo bisogno di creare uno spazio per mettermi in contatto con voi (con chiunque passi di qua). Ma anche perché volevo dare uno spazio a tutti.

 

Scrivere Gli ultimi occhi di mia madre mi ha fatto scoprire tutt’a un tratto una possiblità che non avevo mai considerato prima: la mia scrittura arriva dritta, può parlare direttamente salvando capra e cavoli. Dove la capra è ciò che dice e i cavoli sono come lo dice. Cioè con un grado di scrittura che non scade può arrivare dritta al cuore. Mi è sembrata una possibilità infinità da esplorare. Ho passato anni a sentirmi dire che sono un po’ come una bambina, che dico le cose senza giudizio, che non riesco a tenermi niente dentro, che le mie emozioni sono ingenue, ecc… e questa mi è sembrata per tanto tempo una discriminante dispregiativa. Improvvisamente si è trasformata in qualcosa di utile alla mia scrittura. Penso che tutto ciò non vada sprecato. Voglio continuare a stare vicino a chi mi ha letto o mi legge. Mi piacerebbe che nessuno si sentisse in difficoltà a dire ciò che ha da dire, che se ha voglia di raccontare una sua esperienza non si senta mai in difficoltà a farlo.

 

 

Tante parole per la famosa proposta:

 

 

se avete il mal di parole, se il vostro mal di parole vi fa venir voglia di raccontare qualcosa, se avete bisogno di comunicare qualcosa, se avete letto o vissuto qualcosa di importante per voi o che pensate sia importante anche per noi, scrivetemelo all’indirizzo patrizia.patelli@alice.it e su Istèria troverà una casa. Se avete voglia di aprire una discussione su un argomento che vi interessa, se siete appassionati di qualcosa e avete voglia di farcelo sapere, se e tutti i se.

 

Io ho scritto un libro che è stato pubblicato e ne scriverò altri oppure no che potranno essere pubblicati oppure no, ma le mie parole non pesano più delle vostre, non sono meglio, sono semplicemente state le mie parole che hanno avuto un’immensa occasione, della quale fa parte anche questo blog.

 

buon ferragosto

 

You can leave a response, or trackback from your own site.

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento