Archive for the ‘libri’ Category

Generazione GTA

venerdì, aprile 15, 2016 8:28 No Comments

Mettiamo che mio figlio sta per compiere 14 anni, che se fosse per lui passerebbe ore ed ore a giocare sul cellulare, che gli ho cancellato un gioco dal telefono che gli stava mangiando l’anima e che quando l’ho fatto si è messo a piangere perché “ce l’hanno tutti, ci giocano tutti, perché non mi […]

This was posted under category: diario, emozioni, libri, madre, parole, scuola

Angeli per caso

giovedì, febbraio 4, 2016 10:08 No Comments

Bisognerebbe resistere alle tentazioni. La tentazione è un rischio. Non sai prima, nel caso, il prezzo da pagare.   Amare i libri più di te stesso, amare le parole, certe parole, più della tua libertà. Crescere e sapere che finché avrai la possibilità di cercarne ancora non sarai mai solo. Vivere e pensare una strada, […]

This was posted under category: diario, emozioni, follia, libri, parole, tempo

L’età non conta. Purtroppo.

martedì, novembre 17, 2015 9:51 No Comments

Ieri su La Stampa un articolo di Paolo Di Paolo dal titolo “Scrittori, i tormenti dell’età di mezzo”. Denuncia il fatto che molti nomi che negli anni ’80 e ’90 hanno esordito con importanti case editrici sono finiti oggi a pubblicare con piccole case editrici, come Giulio Mozzi da Mondadori a Laurana (obs!, magari direbbe […]

This was posted under category: diario, libri

Tempo di imparare

giovedì, luglio 30, 2015 10:35 No Comments

Io madre, tu figlio. Questo è un libro da leggere. Tutti i libri di Valeria Parrella lo sono, ma questo prima degli altri. Perché è un libro difficile da scrivere, più difficile degli altri. Quando sono in gioco i sentimenti di questo libro è più difficile farli diventare libro. Perché ad ogni pagina ti rendi […]

This was posted under category: libri

Cosa manca

martedì, ottobre 28, 2014 11:31 No Comments

Sono sicura che non manca solo a me. Cosa?    A parte i temi e i diari, ho iniziato a scrivere vent’anni fa, forse meno e a breve ne compirò quaranta. Ho scritto poco. Ho letto tantissimo. I libri mi hanno salvato la vita, in molti momenti, e non è poesia. Giorni e giorni chiusa […]

This was posted under category: diario, emozioni, libri, parole, senza categoria

Netoscka Nesvanova

mercoledì, giugno 18, 2014 8:33 1 Comment

E’ successo che ho letto Girard e che Girard mi ha preso per mano per portarmi in cima alla Montagna incantata di Mann. E’ stato questo genio tedesco, poi, a parlarmi del suo amore per Dostoevskij e mi sono detta: ma cos’hanno costoro in comune? In che modo l’uno è riuscito a influenzare l’altro? E, […]

This was posted under category: libri, senza categoria

Facciamo Posto

lunedì, maggio 26, 2014 16:22 No Comments

  Venerdì scorso ho terminato il mio terzo romanzo, Facciamo posto.  Vediamo se troverà una casa diversa da questa. Il prossimo libro, tutto da pensare, tutto da aspettare, vedrà la luce  in  Trentino, tra monti e laghi. Sto per trasferirmi nella provincia di  Trento, appena avrò trovato una casa adatta alla mia famiglia. Il  lavoro […]

This was posted under category: diario, libri

Mio fratello che guardi il mondo…

giovedì, gennaio 31, 2013 10:58 No Comments

Lettera di Antonio Basso (originario di Sandrigo di Vicenza)   (Silveira Martins – Rio Grande do Sul, Brasile)   Aprile, 1889   Carissimi fratelli avengno concueste poche rigne di pregarvi di andare in comune di pregarne il secretario di pregharlo che mefese le carte pervinire in nitaglia perchè ò tutti i miei figli amalati che […]

This was posted under category: corpo e sangue, libri

L’opera letteraria

mercoledì, dicembre 12, 2012 15:20 No Comments

Il libro ancora non lo ho letto. Di Aldo Busi lessi da ragazzina Seminario sulla gioventù e rimasi folgorata da come si potesse essere così liberi di scrivere, così diretti, così “veri”. La stessa forza ho trovato parecchi anni dopo in Un cuore di troppo. Ho acquistato altri libri di Busi nel corso degli anni, quasi […]

This was posted under category: corpo e sangue, libri

Esilio

venerdì, novembre 23, 2012 9:56 No Comments

“(… ) è possibile che per scrivere sia necessaria l’esperienza dell’esilio? Capisci cosa intendo? Uno scrittore deve per forza sentirsi un paria, un esule, uno straniero, per scrivere? E in secondo luogo mi domando: è possibile, secondo te, che questo sentimento riguardi le donne, più che gli uomini? Non è sempre così, mi dirai…Ma anche […]

This was posted under category: corpo e sangue, emozioni, libri, narrazione generativa