Eppure la chiamiamo Cultura

mercoledì, gennaio 22, 2014 11:33 | Filled in senza categoria

Cultura“L’uomo primitivo aveva la cultura della pietra scheggiata, che lo univa, oscuratamente ma completamente, al cosmo. L’operaio di oggi non ha neppure la cultura del cuscinetto a sfera che costruisce con gesti automatici, tramite una macchina. E per ritrovare il cosmo, per sentirsi parte della natura deve avvicinarsi alle finestrine che l’ideologia dominante accetta di aprire qua e là, nella sua prigione sociale, per fargli arrivare l’aria fresca. E’ un’aria avvelenata dai gas di scappamento della società industriale, eppure quest’aria viene chiamata Cultura”

 

Henry Laborit, Elogio della fuga, 1976

.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento