Facciamo posto non piace

lunedì, settembre 7, 2015 9:21 | Filled in facciamo posto

non mi piacePrimo bilancio dopo l’estate e prima delle prime presentazioni.

 

Non so quante copie di Facciamo posto siano state acquistate in generale. So per certo che ne sono state acquistate tre, una su amazon (mio padre) e due in libreria (a Torino e a Siena da due mie zie). Io ne ho regalate 26, di cui due a biblioteche. Quindi sicuramente sono arrivate nelle mani di qualcuno 25 copie o giù di lì. Ho ricevuto in tutto 6 riscontri, di cui 5 positivi (con qualche riserva sul finale) e 1 negativo. Quello negativo arriva da una cara amica di cui mi fido e che per me è cartina di tornasole: i giudizi positivi sono sinceri? Tutti gli altri riscontri non sono mai arrivati perché il libro non è piaciuto?

 

Ammesso e concesso che non tutte le persone a cui regali un libro, poi lo debbano leggere. Ammesso e concesso che i tuoi parenti, solo perché sono parenti o gli amici solo perché sono amici, poi ti debbano leggere, ammesso e concesso che anche chi ti legge poi si debba sentire motivato, solo perché ti conosce e ha ricevuto il libro in regalo, a dirti cosa ne pensa, ammesso e concesso che ognuno c’ha i suoi tempi di lettura, il risultato è deludente.

 

Se qualcuno di voi passa di qua e ha avuto voglia di leggermi, gli sarei molto grata avesse voglia di esprimermi un suo parere. Il libro è ordinabile su IBS, amazon e altri siti, oltreché ordinabile in tutte le librerie, oltreché prestabile nelle biblioteche di Pergine Valsugana e San Giovanni Lupatoto.

 

Ci saranno le presentazioni a fine mese, quelle probabilmente ci saranno, e vi farò sapere esattamente dove e quando.

You can leave a response, or trackback from your own site.

1 commento to Facciamo posto non piace

  1. renato patelli says:

    ottobre 21st, 2015 at 14:35

    Sono tra i lettori che hanno dato un giudizio positivo al tuo “FACCIAMO POSTO”. E qui lo ribadisco. Certo ogni situazione presentata non poteva certo esaurirsi nel breve spazio che, immagino, giocoforza ad esse hai potuto/voluto dedicare (penso, correggimi se sbaglio, non fosse questo l’intento col quale hai pensato il libro… ), ma il fatto stesso di averne scritto (e con quanta incisività e qualità di scrittura!) è già moltissimo, in un mondo di indifferenti e di baciapile che si fanno passare, tepidamente, la vita addosso…Bella la recensione di Onofri che è anche, così io la sento, un invito e un incoraggiamento a tirar fuori per intero la tue enormi qualità di scrittrice. Al prossimo e…in bocca al lupo!

Lascia un commento